Schadenfreude. La gioia per le disgrazie altrui.pdf

Schadenfreude. La gioia per le disgrazie altrui

Tiffany Watt Smith

«La sfortuna degli altri è dolce come il miele», dice un antico proverbio giapponese, mentre i soliti, pragmatici tedeschi l’hanno detto con una parola sola: Schadenfreude, “la gioia per le disgrazie altrui”.Il termine è minaccioso e oscuro, ma l’emozione è deliziosa e più comune di quanto siamo disposti ad ammettere. Tutti l’abbiamo provata e la proviamo ogni giorno, in fila al supermercato o girovagando sui social. È la gioia segreta quando vediamo l’uomo d’affari che pesta una cacca di cane, il politico sommerso di insulti su Facebook, il nostro vicino a cui si rompono i sacchi della spazzatura stracolmi.Spesso la travestiamo da giustizia divina, da vendetta del karma, quando l’universo sembra punire chi se lo merita. Però non sempre è così, o non solo. È anche il sollievo di non essere quella persona che sta facendo una figuraccia, la gioia di vedere che nessuno è perfetto, la gratitudine di trovarsi in disparte e, per una volta, la felicità di essere se stessi (almeno finché agli altri capitano cose del genere).Tiffany Watt Smith prosegue la mappatura dell’Atlante delle emozioni umane, e stavolta si sofferma su una singola bizzarra emozione, che Nietzsche definiva la «vendetta dell’impotente» mentre per Schopenhauer era l’«indizio più infallibile di un cuore profondamente cattivo». Sebbene sia così diffusa, la Schadenfreude è infatti da sempre un vero rompicapo: come funziona, a che cosa serve e, soprattutto, dobbiamo vergognarcene o no?In un’epoca di scontri politici e rabbia populista, di gogne pubbliche a colpi di tweet e autopromozione a base di selfie, studiare la Schadenfreude significa ripensare completamente la gelosia e l’invidia, forse i veri motori segreti del mondo.Da Shakespeare ai Simpson, da Winnie Pooh a Dostoevskij, da Freud a Kim Kardashian, Tiffany Watt Smith conduce un’esilarante spedizione nei territori oscuri delle nostre emozioni più inconfessabili. Forse è arrivato il momento di smetterla di preoccuparsi e amare la Schadenfreude.

12 nov 2013 ... ... e Freude, gioia, indica il piacere che si prova di fronte alle sventure che capitano agli altri, il godere delle disgrazie altrui. Se dovessi indicare ... 9 apr 2020 ... Skadeglädje [Schadenfreude/Aticofilia]: delizia per le disgrazie altrui. La Schadenfreude è la forma di gioia più perfetta, perché viene dal cuore.

6.79 MB Dimensione del file
8851169314 ISBN
Gratis PREZZO
Schadenfreude. La gioia per le disgrazie altrui.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.coriglianofotografia.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Ah la Schadenfreude (pron. sciàdenfròide), la terribile e deprecatissima quanto ambivalente «gioia per le disgrazie altrui». Nemmeno Tommaso d'Aquino, gran santo e teologo ma soprattutto finissimo filosofo, riuscì a sfuggire al suo fascino ambiguo, tant'è che nella Summa theologica pare abbia introdotto la seguente superba asserzione: Affinché quindi la beatitudine dei santi venga da

avatar
Mattio Mazio

Schadenfreude. Gioia per le disgrazie altrui. Sentimento diffuso assai meschino e malcelato. Schaden(danno) e Freude (gioia). Assai diffusa in ambito calcistico e sportivo in genere, politico, sociale, scolastico, lavorativo… insomma un po’ dappertutto. Libro di Watt Smith Tiffany, Schadenfreude. La gioia per le disgrazie altrui, dell'editore UTET. Percorso di lettura del libro: Psicologia, Altre aree e temi della psicologia.

avatar
Noels Schulzzi

18 mag 2020 ... ... conoscenza di una sciagura capitata ad altri: Schadenfreude. Anche i greci antichi conoscevano il brivido di maligna gioia di chi esulta per la ...

avatar
Jason Statham

Ah la Schadenfreude (pron. sciàdenfròide), la terribile e deprecatissima quanto ambivalente «gioia per le disgrazie altrui».Nemmeno Tommaso d’Aquino, gran santo e teologo ma soprattutto finissimo filosofo, riuscì a sfuggire al suo fascino ambiguo, tant’è che nella Summa theologica pare abbia introdotto la seguente superba asserzione:

avatar
Jessica Kolhmann

Schadenfreude. Gioia per le disgrazie altrui. Sentimento diffuso assai meschino e malcelato. Schaden(danno) e Freude (gioia). Assai diffusa in ambito calcistico e sportivo in genere, politico, sociale, scolastico, lavorativo… insomma un po’ dappertutto. Libro di Watt Smith Tiffany, Schadenfreude. La gioia per le disgrazie altrui, dell'editore UTET. Percorso di lettura del libro: Psicologia, Altre aree e temi della psicologia.