Piccole guerre. Come sopravvivere ai propri figli.pdf

Piccole guerre. Come sopravvivere ai propri figli

Robin Baker, Elizabeth Oram

Altro che quiete domestica: la vita famigliare è un vero campo di battaglia. Lì, giorno dopo giorno, si mette in atto una strategia degna del miglior quartier generale: trasformare il frugoletto in un soldato pronto a tutto pur di riuscire, una volta adulto, a far sì che i propri geni (cioè quelli di mamma e papà) riescano felicemente a venir tramandati di generazione in generazione. I nostri più dolci atteggiamenti nei confronti dei figli, dunque, non sono affatto dettati da un amorevole sentimento di trasporto e protezione, ma da un progetto assai più egoistico e di più lunga durata.

Visitate i vecchi edifici sopravvissuti alla devastazione della guerra, come le mura del XIII secolo che cingono la città e le sue cinque porte, oppure la via dei mercanti Fuell con le sue tipiche abitazioni a graticcio. È possibile visitare il tribunale, tuttora in uso, e l’aula di giustizia 600 in cui si svolse il celeberrimo Processo di Norimberga, una serie di processi ai nazisti per i in due mesi ha avuto oltre 5 milioni di pagine viste. Usa: un blog terapeutico per sopravvivere ai disastri casalinghi dei propri figli. Julie Haas Brophy, mamma americana, ha realizzato un sito

6.83 MB Dimensione del file
8880894625 ISBN
Piccole guerre. Come sopravvivere ai propri figli.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.coriglianofotografia.it o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Tweet Share 0 +1 Pinterest 0 LinkedIn 0 Email E’ abbastanza vero che tutte le figlie che hanno avuto madri non amorevoli e poco sintonizzate con loro dal punto di vista emotivo hanno esperienze comuni. Il deficit di calore materno e la mancanza di validazione hanno un impatto negativo sul senso di sé della figlia, rendendola poco fiduciosa o diffidente da relazioni strette e plasmandola in Come dimostra il video infatti, i bambini rifugiati nonostante le dolorose esperienze passate, o forse proprio a causa di esse, hanno dei sogni. Per la maggior parte sono connessi all’istruzione e al voler aiutare gli altri: quello che non è stato fatto per loro, potrebbe dare un’infanzia migliore ai piccoli di domani. Silvia Rosiello

avatar
Mattio Mazio

25 giu 2014 ... ... come voler bene ai propri figli significhi in realtà desiderare ciò che è meglio ... Quando le mie quattro figlie erano piccole, del lungo termine non mi curavo ... All' epoca era una mera questione di sopravvivenza, di risposta a ...

avatar
Noels Schulzzi

Madre Courage e i suoi figli (sottotitolo: Cronaca della guerra dei Trent'anni), sovente tradotto in Italia in Madre Coraggio e i suoi figli è uno dei capolavori di Bertolt Brecht che scrisse questo testo destinato al teatro fra il 1938 ed il 1939.Lo spettacolo andò in scena la prima volta a Zurigo nel 1941. Scritto proprio alla vigilia della seconda guerra mondiale, il testo risulta essere

avatar
Jason Statham

17 gen 2017 ... Una guida pratica, con tanti esempi concreti e test da fare insieme ai propri figli per capire quali sono gli errori più comuni che i genitori compiono ...

avatar
Jessica Kolhmann

Quando i figli iniziano nuovamente a non andare bene a scuola, spesso e volentieri vi trovate a pronunciare frasi di stanchezza, di sfinimento, che però possono far male ai figli: “Sei il solito scansafatiche, non cambierai mai”, “Siamo alle solite”, “Non avevo dubbi che non avresti mantenuto le promesse”, “Tanto ti rimandano anche quest’anno”. Rea sta festeggiando il suo compleanno. È giovane, piacente, brucia di vita. È leggermente alterata, perché il suo ragazzo, un brillante giovane giornalista, non ha voluto fare l'amore. Chissà come, chissà perché. La sua fida amica Nita, più grande di lei e già professoressa all'università, libera, indipendente, fa di tutto perché quel giorno assomigli ad una festa.